statuto.md 19 KB
Newer Older
1
---
2
title: Statuto Associazione di Promozione Sociale "MITTELAB"
3
lang: italian
Aljaž Srebrnič's avatar
Aljaž Srebrnič committed
4
date: 28/3/2016
5
geometry: hmargin=1cm,vmargin=2cm
6 7
header-includes: \input{header.tex}
numbersections: true
8
---
9
# Costituzione
10

11 12
È costituita l'associazione di promozione sociale denominata "Mittelab"
(di seguito detta anche "Associazione"). L'Associazione è indipendente,
13 14
apartitica, aconfessionale, non persegue fini di lucro, né diretto né
indiretto, con durata a tempo indeterminato ed assume la forma di
15 16
"Associazione non riconosciuta" ai fini del Codice Civile e quella di
"Ente non commerciale" ai fini fiscali.
17 18


19
# Sede
20

21 22
L'Associazione ha sede in Trieste, via Manzoni 11. Il Consiglio
Direttivo potrà con delibera trasferire la sede all'interno del
23 24 25 26
territorio del Comune di Trieste; il trasferimento della sede legale non
comporta modifica statutaria.


27
# Oggetto sociale, finalità e attività
28

29
Mittelab si occupa di gestire un hackerspace di matrice nordeuropea, ovvero un luogo dove
30
persone che hanno interessi comuni nel campo della tecnologia in
31
generale e l'elettronica ed informatica in particolare possono
32 33 34 35 36 37 38 39 40 41
collaborare e condividere conoscenze ed attrezzature. Mittelab favorisce
e sostiene lo sviluppo di tale cultura, persegue finalità di promozione,
utilità e solidarietà sociale attraverso la diffusione dei princìpi
della Hacker Ethic e lo sviluppo di un dibattito attorno alle seguenti
materie:

a) difesa della libertà e dei diritti umani nella società digitale;

b) accesso alla rete Internet libero e aperto;

42
c) condivisione della cultura e della conoscenza tecnico-scientifica.
43

44
L'Associazione si pone inoltre lo scopo di favorire l'utilizzo
45 46 47 48 49 50
consapevole degli strumenti informatici e contribuire attivamente al
miglioramento e avanzamento del sapere e della cultura promuovendo la
produzione e la diffusione di software libero, hardware libero e
contenuti liberi per incentivare le possibilità di accesso alla
conoscenza e alla formazione. Sono definite "libere" nel senso inteso
dall'Associazione tutte le opere che sono state contrassegnate dai loro
51
autori con una licenza che ne permetta l'utilizzo, lo studio, la modifica, la distribuzione.
52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69

Per il conseguimento delle proprie finalità l'Associazione potrà, sia
direttamente sia in collaborazione con altre organizzazioni ed enti
aventi simili fini istituzionali: organizzare, supportare o patrocinare
eventi, fiere, seminari, convegni, conferenze, corsi, workshop; gestire
server di rete, siti web, mailing-list; pubblicare libri, riviste,
newsletter; effettuare o commissionare studi e ricerche; partecipare a
progetti e riunioni in Italia e altri paesi; in generale promuovere la
divulgazione della cultura in campo elettronico e/o informatico tra il
pubblico anche a mezzo di supporti audiovisivi e di pubblicazioni;
collaborare con le altre attività simili del territorio ed assecondando,
qualora lo ritenga opportuno, le iniziative che dovessero sorgere a
livello locale; compiere tutte le operazioni mobiliari, immobiliari e
finanziarie ritenute necessarie, utili e opportune alla realizzazione
dei predetti scopi; stipulare accordi o convenzioni con enti pubblici o
privati, aziende, altre associazioni, o qualunque altro soggetto,
pubblico o privato.

70
L'Associazione può svolgere ogni attività, anche diverse da quelle sopra
71 72 73 74 75
indicate, purché  direttamente o indirettamente connesse a quelle
statutarie, o quelle accessorie per natura in quanto integrative delle
stesse.


76
# Soci
77

78
Possono essere soci dell'Associazione sia le persone fisiche che
79
giuridiche che enti; le persone giuridiche e gli enti sono rappresentati
80
in Assemblea da un delegato. L'adesione all'Associazione è a tempo
81
indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo. I
82 83 84
soci hanno tutti uguali diritti. L'adesione all'Associazione comporta,
per l'associato maggiore di età e comunque per la persona giuridica
ovvero per l'ente, il diritto di voto nell'Assemblea per l'approvazione
85
e la modificazione dello Statuto e del Regolamento e per la nomina degli
86 87 88 89
organi direttivi dell'Associazione. Ogni associato ha diritto di
partecipare a tutte le attività dell'Associazione, di controllare il
bilancio e di richiedere copia del resoconto dell'Assemblea annuale. La
qualifica di socio non è trasmissibile. L'appartenenza all'Associazione
90 91 92 93 94
ha carattere libero e volontario ma impegna gli aderenti al rispetto
delle decisioni prese dai suoi Organi sociali, secondo le competenze
statutarie, ed un comportamento corretto sia nelle relazioni interne con
i soci che con i terzi.

95
Chi intende aderire all'Associazione deve rivolgere espressa richiesta
96
scritta al Consiglio Direttivo, recante la dichiarazione di condividere
97
le finalità che l'Associazione si propone e l'impegno ad approvarne ed
98 99 100 101
osservarne Statuto e Regolamento. Il Consiglio Direttivo provvede alle
domande di ammissione entro sessanta giorni dal loro ricevimento; in
assenza di un provvedimento di diniego in forma scritta della domanda
entro il termine predetto, essa si intende automaticamente accolta.
102 103
Chiunque aderisca all'Associazione può in qualsiasi momento notificare
la sua volontà di recedere dall'Associazione stessa; tale recesso ha
104
efficacia immediata. In presenza di gravi motivi che abbiano arrecato
105
danno morale o materiale all'Associazione, o in caso di inadempienza dei
106
doveri previsti dal presente Statuto, chiunque partecipi
107 108
all'Associazione può esserne escluso con deliberazione dell'Assemblea
dei Soci. L'esclusione ha effetto dal trentesimo giorno successivo alla
109
notifica del provvedimento di esclusione, il quale deve contenere le
110
motivazioni per le quali l'esclusione sia stata deliberata. Nel caso che
111
il soggetto non ammesso o escluso non condivida le ragioni del diniego
112 113
dell'ammissione o dell'esclusione, può presentare un ricorso
all'Assemblea dei Soci. 
114

115
Sono soci dell'Associazione:
116

117
-   Founding Hackers: sono i soci che hanno sottoscritto l'Atto
118 119 120
    Costitutivo;
-   Hackers: sono i soci ordinari;
-   Hungry Hackers: sono i soci studenti o disoccupati;
121
-   Phreakers: il Consiglio Direttivo può nominare soci benemeriti
122
    (denominati "Phreakers") dell'Associazione le persone fisiche, giuridiche e/o enti che
123 124
    effettuano versamenti al fondo di dotazione ritenuti di particolare
    rilevanza ovvero che si sono particolarmente distinti nelle attività
125
    di interesse dell'Associazione.
126 127

Ogni socio sarà libero di utilizzare gli strumenti a disposizione
128
dell'Associazione per realizzare progetti personali di natura
129 130 131
elettronica e/o informatica o collaborare nelle iniziative comuni.


132
# Organi sociali
133

134 135
L'Assemblea dei Soci: si riunisce, anche fuori dalla sede sociale,
almeno una volta l'anno entro il mese di giugno, per l'approvazione del bilancio e, con cadenza biennale, per l'elezione del Consiglio Direttivo e del Presidente. Essa inoltre:
136

137
-   delinea gli indirizzi generali dell'attività dell'Associazione;
138 139 140
-   delibera, su proposta del Consiglio Direttivo, sulla quota
    associativa annuale;
-   approva, su proposta del Consiglio Direttivo, i regolamenti che
141 142
    disciplinano lo svolgimento dell'attività dell'Associazione;
-   delibera sull'eventuale destinazione di utili o avanzi di gestione
143
    comunque denominati, nonché di fondi, riserve o capitale accumulato
144
    durante la vita dell'Associazione stessa, qualora ciò sia consentito
145 146
    dalla legge e dal presente Statuto;
-   approva le modifiche al presente Statuto;
147
-   delibera scioglimento e liquidazione dell'Associazione e devoluzione
148 149
    del suo patrimonio.

150
L'Assemblea è convocata dal Presidente, ogni qualvolta questi lo ritenga
151 152
opportuno oppure ne sia fatta richiesta da almeno un decimo dei soci
aderenti o da almeno un terzo dei Consiglieri in carica. La convocazione
153 154
dell'Assemblea sarà fatta mediante avviso da comunicarsi ai soci via
lettera, posta elettronica (e-mail) o mezzi equipollenti all'indirizzo
155
indicato dal socio almeno otto giorni prima della data fissata per la
156 157 158 159 160
prima convocazione. L'avviso deve contenere l'elenco delle materie da
trattare, l'indicazione del luogo dell'adunanza e quella della data e
dell'ora della prima e della seconda convocazione, quest'ultima dovrà
essere fissata almeno un giorno dopo la prima convocazione. L'Assemblea
è valida qualunque sia l'oggetto da trattare: in prima convocazione
161 162 163
quando sono presenti o rappresentati almeno la metà più uno dei soci; in
seconda convocazione qualunque sia il numero dei voti dei soci presenti
o rappresentati. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta di
164 165
voti dei soci presenti o rappresentati all'adunanza. Quando si tratta di
deliberare sullo scioglimento dell'Associazione, tanto in prima quanto
166 167 168 169 170 171
in seconda convocazione, le deliberazioni devono essere prese col voto
favorevole di almeno tre quarti dei soci aventi diritto al voto. Ogni
socio ha diritto ad un voto. Le elezioni delle cariche sociali saranno
fatte a maggioranza assoluta dei voti presenti, con voto segreto qualora
richiesto da almeno cinque voti presenti, ma potranno anche avvenire per
acclamazione. I soci che per qualsiasi motivo non possano intervenire
172
personalmente all'Assemblea hanno facoltà di farsi rappresentare
173
soltanto da altri soci mediante delega scritta. Ogni socio può ricevere
174 175 176
un massimo di tre (3) deleghe. L'Assemblea è presieduta dal Presidente
ed in sua assenza dal Vice-Presidente; mancando anch'esso, da una
persona designata dall'Assemblea.
177

178
Il Consiglio Direttivo: amministra l'Associazione ed è composto da un
179
minimo di tre (3) ad un massimo di dieci (10) Consiglieri membri –
180
compresi Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere  – eletti fra
181 182
i soci dall'Assemblea, che ne determina il numero. Nella prima riunione
a seguito dell'elezione vengono designati tra i Consiglieri il Vice
183
Presidente, il Segretario e il Tesoriere. I Consiglieri durano in carica due
184 185
anni e sono rieleggibili. Dalla nomina a Consigliere non consegue alcun
compenso, salvo il rimborso delle spese documentate sostenute per
186
ragioni dell'ufficio ricoperto. Qualora per dimissioni o per altre cause
187 188 189 190
venga a mancare uno o più consiglieri, il Consiglio Direttivo provvederà
alla loro sostituzione mediante cooptazione, fino al termine del mandato
originario del consigliere decaduto. Qualora per dimissioni o per altre
cause venga a mancare, nel corso del medesimo esercizio sociale, la
191
maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo, l'intero Consiglio
192
si intende decaduto ed i residui membri del Consiglio Direttivo devono
193
convocare immediatamente l'Assemblea per la nomina di un nuovo Consiglio
194
Direttivo. Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente o da chi lo
195
sostituisce almeno due volte l'anno ovvero tutte le volte che egli lo
196 197 198
riterrà utile oppure quando ne sia fatta domanda da almeno due
Consiglieri. La convocazione è fatta a mezzo di lettera o posta
elettronica (e-mail) o altro mezzo equipollente da spedirsi non meno di
199
tre giorni prima dell'adunanza e, nei casi di urgenza, a mezzo di
200 201 202 203 204
telegramma, telefax, posta elettronica (e-mail) o altro mezzo
equipollente in modo che i Consiglieri ne siano informati almeno un
giorno prima della riunione. Il Consiglio Direttivo è presieduto dal
Presidente, ovvero in caso di sua assenza o impedimento, dal Vice
Presidente, ovvero in caso di assenza o impedimento anche di
205
quest'ultimo, dal Consigliere più anziano di età. Il Consiglio Direttivo
206 207 208 209
è regolarmente costituito quando sia presente la maggioranza dei
componenti in carica. Il Consiglio Direttivo delibera con il voto
favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il
voto di chi presiede. I verbali contenti le deliberazioni del Consiglio
210
Direttivo sono raccolte nell'apposito libro dei verbali e sono
211 212 213
sottoscritte dal Presidente della riunione e dal Segretario.

Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione
214
dell'Associazione e, specificamente, esso deve:
215

216
1.  organizzare le iniziative dell'Associazione in genere;
217 218
2.  determinare la quota associativa minima e le altre quote
    associative, secondo quanto previsto dal Regolamento, da proporre
219 220
    per l'approvazione all'Assemblea dei Soci; qualora la situazione del
    bilancio lo consenta l'adesione all'Associazione potrà essere anche
221 222
    gratuita, ovvero potrà anche essere eliminata ogni contribuzione
    annuale da parte degli associati;
223
3.  deliberare sull'ammissione e l'esclusione dei soci, nominare i soci
224 225
    benemeriti, esaminare le proposte di nuove iniziative da parte degli
    associati;
226 227 228
4.  predisporre l'eventuale regolamento interno e le modifiche al
    medesimo da proporre all'Assemblea Ordinaria dei Soci per
    l'approvazione; 
229 230 231
5.  predisporre il bilancio consuntivo;
6.  controllare la gestione di tutte le comunicazioni esterne
    (pubblicità tramite internet, volantinaggio, etc.) e dei beni
232
    posseduti ed amministrati dall'Associazione;
233 234 235
7.  predisporre e curare la tenuta dei libri sociali, del libro dei
    verbali delle Assemblee, del libro soci;
8.  porre in atto ogni attività che si renda necessaria od opportuna per
236
    il funzionamento dell'amministrazione dell'Associazione.
237

238
Il Presidente: rappresenta l'Associazione stessa di fronte ai terzi e
239
anche in giudizio. Su deliberazione del Consiglio Direttivo, il
240 241 242 243 244 245 246 247
Presidente può attribuire la rappresentanza dell'Associazione anche ad
estranei al Consiglio stesso. Al Presidente dell'Associazione compete,
sulla base delle direttive emanate dall'Assemblea e dal Consiglio
Direttivo, al quale comunque il Presidente riferisce circa l'attività
compiuta, l'ordinaria amministrazione dell'Associazione. Il Presidente
convoca e presiede l'Assemblea e il Consiglio Direttivo, cura
l'esecuzione delle relative deliberazioni, sorveglia il buon andamento
amministrativo dell'Associazione, verifica l'osservanza dello statuto e
248 249 250
dei regolamenti, ne promuove la riforma ove se ne presenti la necessità.

Il Vice Presidente: sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione
251
ogni qualvolta questi sia assente o comunque impedito nell'esercizio
252
delle proprie funzioni. Il solo intervento del Vice Presidente
253
costituisce per i terzi prova dell'impedimento o assenza del Presidente.
254

255 256 257
Il Segretario: svolge la funzione di verbalizzazione delle adunanze del
Consiglio Direttivo. Il Segretario cura la tenuta del libro dei verbali delle
Assemblee, del Consiglio Direttivo nonché del libro degli aderenti
258
all'Associazione.
259

260 261
Il Tesoriere – ovvero il Segretario qualora l’Assemblea non abbia provveduto
a nominare il Tesoriere - cura la gestione della cassa dell'Associazione e ne
262
tiene la contabilità, effettua le relative verifiche, controlla la tenuta dei
263 264 265
libri contabili, predispone, dal punto di vista contabile, il bilancio
consuntivo e quello preventivo, accompagnandoli da idonea relazione contabile.

266
L'Associazione può conferire l'incarico dello svolgimento delle proprie
267
attività istituzionali a soggetti con adeguata qualifica professionale,
268 269
anche erogando compensi proporzionati all'attività esercitata. Tali
figure possono essere soggetti esterni dell'Associazione ovvero soci,
270 271 272
qualora ne abbiano le necessarie qualifiche.


273
# Patrimonio
274

275 276
Il patrimonio dell'Associazione è costituito dai beni mobili ed immobili
che pervengono all'Associazione a qualsiasi titolo, da elargizioni o
277 278 279
contributi da parte di enti pubblici e privati, persone fisiche o
giuridiche, dagli avanzi netti di gestione.

280
Per l'adempimento dei suoi compiti, l'Associazione dispone delle
281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292
seguenti entrate:

1.  dal fondo costituito dai conferimenti in denaro o beni mobili ed
    immobili o altre utilità impiegabili per il perseguimento degli
    scopi sociali conferiti dai soci;
2.  quote associative, da corrispondersi dagli associati, il cui
    ammontare, modalità e tempi di versamento sono stabiliti
    dall'Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo;
3.  eventuali donazioni, erogazioni e lasciti;
4.  contributi ricevuti da enti pubblici o privati;
5.  dagli introiti realizzati nello svolgimento della sua attività,
    proventi derivanti dall'organizzazione di manifestazioni o
293
    partecipazione ad esse e dell'organizzazione di corsi;
294 295 296 297 298 299 300 301 302
6.  da ogni altra somma che, a qualsiasi titolo, sia versata
    all'associazione;
7.  dai redditi derivanti dal suo patrimonio;
8.  da beni mobili od immobili acquistati impiegando le entità
    patrimoniali di cui ai precedenti punti.

I versamenti possono essere di qualsiasi entità, fatto salvo il
versamento della quota associativa, e sono comunque a fondo perduto, non
ripetibili né rivalutabili; in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di
303 304 305
scioglimento dell'Associazione né in caso di morte, di estinzione, di
recesso o di esclusione dall'Associazione, può farsi luogo alla
ripetizione di quanto versato all'Associazione a titolo di versamento.
306 307
Il versamento non crea altri diritti di partecipazione.

308
L'Associazione ha l'obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di
309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325
gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle
ad esse direttamente connesse. È vietato distribuire, direttamente o
indirettamente, eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi,
riserve o capitali durante la vita dell'Associazione ai soci, a meno che
la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge. 

Lo scioglimento anticipato dell'Associazione può essere proposto dal
Consiglio Direttivo o da almeno il 50% degli associati e approvato
dall'Assemblea dei Soci convocata in seduta straordinaria con specifico
ordine del giorno. In caso di scioglimento dell'Associazione i beni che
residuano dopo l'esaurimento della liquidazione sono devoluti ad altre
associazioni o organizzazioni non lucrative di utilità sociale operanti
nello stesso campo e con analoghe finalità di utilità sociale, secondo
le indicazioni dell'Assemblea che nomina il liquidatore, salvo diversa
destinazione imposta dalla legge.


326
# Bilancio
327 328 329 330

L'esercizio sociale si intende dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni
anno. Entro il mese di marzo di ciascun anno il Consiglio Direttivo è
convocato per la predisposizione del bilancio associativo. I bilanci
331 332
devono restare depositati presso la sede dell'Associazione nei quindici
(15) giorni che precedono l'Assemblea convocata per la loro
333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351
approvazione, a disposizione di tutti coloro che abbiano motivato
interesse alla loro lettura, e vengono inviati via lettera, fax, posta
elettronica o mezzi equipollenti a qualunque socio ne faccia richiesta.
Di esso deve essere presentato un Rendiconto Economico e Finanziario
all'Assemblea dei Soci entro il 30 aprile dell'anno successivo;
ulteriore deroga può essere prevista in caso di comprovata necessità o
impedimento. Il rendiconto dell'esercizio dovrà evidenziare in modo
analitico i costi e i proventi di competenza, nonché la consistenza
finanziaria e le poste rettificate che consentano di determinare la
competenza dell'esercizio.

La previsione e la programmazione economica dell'anno sociale successivo
è deliberata dall'Assemblea dei Soci con attinenza alla formulazione
delle linee generali dell'attività dell'Associazione.

Sono previsti la costituzione e l'incremento del fondo di riserva.
L'utilizzo del fondo di riserva è vincolato alla decisione
dell'Assemblea dei Soci.

352
# Disposizioni finali
353

354
L'Associazione adotta come riferimento legislativo la normativa in materia di Associazioni di Promozione Sociale, L. 383/2000, e le disposizioni contenute nel codice civile, rimandando a queste per quanto non previsto nel presente Statuto o dal regolamento interno.